mercoledì 7 novembre 2007

argomenti della prova finale di verifica

ho ritenuto opportuno accorpare gli argomenti del programma che abbiamo condiviso.
il programma può intendersi valido sia per gli studenti della laurea specialistica sia per quelli del servizio sociale.

--- Aspetti storici della psicologia sociale tra natura e cultura:
• Evoluzionismo (Darwin) Psicologia evoluzionistica Psicologia sociale psicologica e psicologia sociale sociologica
• Principali autori e correnti della psicologia: Psicoanalisi. Comportamentismo. Gestalt. Interazionismo simbolico Cognitivismo.e Social Cognition. Costruttivismo.
--- Influenza sociale:
• Norma sociale e Conformità, formazione della norma, influenza maggioritaria, influenza normativa ed informazionale, condivisione, acquiescenza, obbedienza
• Influenza minoritaria, modello funzionalista e modello genetico, consistenza, conversione
• Comportamento d’aiuto ed influenza degli astanti, ignoranza pluralistica, diffusione di responsabilità
--- Processi cognitivi e relazioni intergruppo:
• Percezione, rappresentazione, categorizzazione, etichettamento, stereotipo, pregiudizio, prototipo, schema, euristica, attribuzione, inferenza corrispondente, principio di economia psichica, locus of control, paradigma dei gruppi minimali

un piccolo suggerimento per molti di voi che entrano in crisi per qualche parola o termine: usate un motore di ricerca come google, digitate le parole "difficili" e spulciate i documenti più attinenti. Ad esempio se entrate in crisi per espressioni come "equilibrio quasi-stazionario" (lewin) la risposta che facilmente trovate è che Lewin concepisce l'equilibrio di un qualsiasi sistema (individuo o gruppo) come un equilibrio dinamico piuttosto che statico (in termini cognitivisti vogliamo significare che l'individuo tende a conservare l'equilibrio o la coerenza ma che per raggiungere questo scopo deve produrre piccoli cambiamenti (non è dunque un equilibrio stazionario ma quasi-stazionario).

due ultime cose: sarò fuori sede per un convegno fino a domenica e non potrò seguirvi e rispondervi fino ad allora. Aiutatevi tra di voi rispondendo gli uni ai dubbi ed alle domande degli altri, usando i commenti in questo stesso post. In ultimo, mi è stato comunicato che martedi ci sono due consigli che mi troveranno impegnato e dunque inizieremo con un po' di ritardo le lezioni: quella della laurea specialistica inizierà alle 11.30 e quella del pomeriggio (servizio sociale) alle ore 16.00. grazie e a presto.

60 commenti:

curiosa83 ha detto...

scusi prof, non fa parte del programma anche la profezia che si autoadempie, lei ne ha parlato,gli effetti non comuni, la competenza di ruolo, la disponibilità sociale e la rilevanza edonica?Non vorrei farmeli e poi non si devono portare, anche perchè sono cose che ho capito...

uvetta ha detto...

cusriosa83 gli argomenti che tu elenchi sono compresi nell'inferenza corrispondente..e quindi fanno parte del programma...
Buono studio

mary ha detto...

scusate, ma in pratica di nuovo c'è solo l'ultimo punto? dai processi cognitivi e le relazioni intergruppo in poi? il resto sono le cose che abbiamo già studiato!
meglio così!
saluti a tutti!

ant87 ha detto...

mary infatti hai ragione , per questo non riesco a capire come mai avendo fatto casomai la prima bene non dovrebbe bastare... Anche perchè lo scorso anno secondo me sono stati agevolati persone ch hanno fatto un unico test e casomai passato con 18 inveca di person che se hanno fatto entrambi e com media è uscita 17e mezzo è stato bocciato... LO so xkè sono del secondo anno e io l' anno scorso non ho proprio provato a farlo però una mia amica è stata bocciata con 31 risposte esatte e mentre chi aveva preso 32 era superato... quindi bocciata con 17emezzo

Anonimo ha detto...

uvetta devi chiamarti prezzemolo. sei in ogni luogo....

uvetta ha detto...

invece di suggerire un nick a me caro ANONIMO pensa al tuo..vedo che sei pieno di fantasia... usala per te...

Stani Smiraglia ha detto...

per Ant83: mi farà molto piacere ricevere da te dei concreti suggerimenti per ovviare a queste ingiustizie. fammi soprattutto sapere come ovviare al fatto che da un certo punteggio in poi una prova è superata o meno (sempre e comunque!).
imoltre se la seconda prova non aggiunge nulla alla prima, quale problema hai nel ripeterla? sapendo quali domande ci saranno (grosso modo) e come sono fatte, non potrete che migliorare! o no?
forse è meglio che approfondisci la seconda parte (i processi cognitivi)

Airin ha detto...

Buonasera prof, la mia domanda è:una persona che acquisisce impotenza quindi rinuncia all'azione( mi viene in mente subito il pensiero contraffattuale,mi dica se giusto)attribuisce la causa dei propri insuccessi a fattori interni o esterni? Thank you!

anomico ha detto...

Airin, sarà un caso, ma proprio stamattina il prof ha fatto il collegamento tra locus of control ed euristica della controfattualità.
Da quello che ho capito io, nel pensiero controfattuale l'attribuzione non è personale interna, ma personale esterna o impersonale (pensa alla signora che si piange addosso dietro la finestra).
Leggendo il manuale, però, ho notato anche di pensiero controfattuale verso il basso, che riguarda la simulazione di eventi peggiori rispetto a quelli effettivamente accaduti.
In questo caso, mi pare possa avvvenire anche una attribuzione personale interna, dato che la stessa Mannetti parla della possibilità di prepararsi meglio all'azione e di commettere meno errori.
Grazie per eventuali chiarimenti, ciao

naty ha detto...

prof. le vorrei ricordare ke il mio cognome è sbagliato.....mi kiamo LOZZI NATALIA, mentre lei ha scritto luzzi.... grazie arrivederci

Jessica ha detto...

raga ho un bel pò di paura.....speriamo bene x mercoledì......un augurio a tutti e spriamo ke qst volta tutti noi ce la faremo
FORZA RAGAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

Elisa ha detto...

Caro professore ci tengo molto a farle sapere che le sue lezioni di psicologia sociale sono inserite, nella mia classifica,tra le più interessanti della mia carriera universitaria.
La ringrazio per averci aperto un tantino la mente su alcune riflessioni riguardo la realtà quotidiana,un pò complessa da comprendere.
...lei ha seminato, vedremo come sarà il nostro raccolto!
arrivederci all'esame!

kiara ha detto...

prof salve!Ieri all'ultima lezione in cui lei ci ha chiarito i concetti ci spiegava la teoria della frustrazione-aggressivit� di Dollard...Se ho ben capito quando la frustrazione in un individuo aumenta, aumenta anche l'aggressivit� che per� non scarichiamo sulla fonte della nostra frustrazione ma la dislochiamo, come lei diceva, la dirottiamo verso un bersaglio, un "capro espiatorio"(come nell'esempio che lei ci ha fatto di Fantozzi che scarica la sua frustrazione su moglie e figlia)che diventa fonte di pregiudizio(moglie e figlia viste come topi),stereotipi.Anche Adorno parla di un individuo,dotato di personalit� autoritaria, che scarica, disloca la sua aggressivit� nei confronti di un bersaglio che � sempre fonte di pregiudizio...questo secondo l'approccio psicodinamico degli stereotipi, � giusto?Spero di aver capito bene

ant87 ha detto...

prof io credo ch lei l' anno scorso ha sbagliato che sia giusto che quest'anno chi fa solo una prova dve essere penalizzato. Se per esempio un ragazzo sostiene solo la sconda e prende 18 non può superare la prova rispetto a me che casomai alla prima ho preso 20 alla seconda tipo prenderò 18. la mia media sarà 19 però lui o li con una prova in meno prndrebbe 18 quindi se è cosi sarebbe meglio allora ch non mi presentassi alla seconda perchè almeno avrei 20... Almeno li cosi ha fatto l' anno scorso prchè il voto non lo ha tolt a quasi nessuno. Poi penso che chi sostine solo la seconda o ha sostnuto solo la prima e ha preso o prnde ujn bel voto , esempio 28 , il voto deve essere diminuito... Naturalmnte prof qusto è un mio giudizio , può darsi sbagliato , però la vedo cosi . arrivederci

cocci ha detto...

ciao ant87 io faccio parte di quella fascia che non ha superato la prima prova e sono sicura che al mio posto anche tu saresti stata contenta del fatto che il proff ci ha dato una seconda possibilità quindi invece di fare questi ragionamenti infondati cerca di studiare dato che stando a quello che dice il proff se non superi la seconda prova devi fare l'orale,: fai la studente non la professoressa

Airin ha detto...

Grazie anomico per avermi risposto.. credo che si debba parlare di causazione personale esterna poichè la signora dell'esempio cerca un alibi in qulcosa su cui lei non può intervenire per ribaltare le sorti della propria vita..e ciò le apporta sollievo proprio perchè non si assume la responsabilità della propria incapacità di provare ad essere felice..

cocci ha detto...

proff quando lei parla di percezione a cosa si riferisce? agli schemi?.........e poi perchè ha messo anche la psicoanalisi?

cocci ha detto...

proff quando lei parla di percezione a cosa si riferisce? agli schemi?.........e poi perchè ha messo anche la psicoanalisi?

ant87 ha detto...

ciao cocci... non mi sembra di esser una professorssa ma ho espresso solo un mio giudizio.Io non ho detto che chi non ha passato la prima non debba essere promosso...io ho detto che non mi smbra giusto che una persona ch supera solo una prova casomai poi prnde un voto più alto rispetto a chi le supra entrambe e perciò secondo me deve essere un pò pnalizzato nel voto...cmq io parlavo con il prof se ti ei sentito toccato non è mica colpa mia ... e il consiglio ch mi hai dato sguilo anche tu... studai allora e non pnsa a quello che dico io se lo ritieni un ragionamento infondato.

cocci ha detto...

ant87 questo blog è rivolto a tutti e rispondo a chi dico io anche alle persone come TE

ant87 ha detto...

infatti mica non mi puoi rispondere... è che come tu hai espresso il mio giudizio fortunatament in Italia esiste la libertà di parola nposso parlare anche io allora... e dire quello ch penso. se è un mio giudizio tu mi rispondi non lo condividi io accetto il tuo parere xkè ogniuno la pensa cm vuole xo non accetto che debba essere " insiltata" anche s non era un inslto ma non so cm definirlo perchè di certo il prof non farà mica qullo che dico io. Io gli ho dtto sl una mia opinin li mi ha chiesto cm mi sari comportata io quindi ho solo risposto a mio moo di vedere

cocci e nella ha detto...

basta non non ho piu' voglia di risp mi hai stufato buono studio e impara a scrivere ES: insultata e non insiltata da cocci e nella

minnie ha detto...

proff ma conviene studiare solo dalle slide? grazie

Stani Smiraglia ha detto...

complimenti minnie! vedo che hai assimilato profondamente il "principio di economia psichica" ("conviene studiare solo...")

minnie ha detto...

veramente proff. fin ora ho studiato tutto dal libro ma sto trovando difficoltà nell'ultima parte..precisamente da Jons e devis.......allora avevo pensato di ripassare tutto dal libro e poi studiare questa parte dalle slide forse non mi sono spiegata bene.

Airin ha detto...

vorrei analizzare insieme a qualcuno che è sicuro di aver capito la causalità personale questa frase:" sono venuta a trovarti ma sono andata subito via per la tua crudele indifferenza".Direi che il locus of control è legato ad una causa personale esterna..è giusto? Prof magari riuscisse a rispondermi facendomi due esempi che mi chiariscano definitivamente la differenza (che credo di aver capito) tra un caso di causa personale interna e esterna..ci conto è!

studentesse in crisi ha detto...

quando si parla di percezione e rappresentazione di che si parla?

lella ha detto...

ciao studentesse in crisi... non so se posso aiutarvi però io credo che per rappresentazione si intende la rappresentazione della realtà e per quato riguarda la percezione si intende lo steriotipo, prototipo perchè io sul libro ho trovato le due cose collegate e non si parla di percezione come argomento unico

Stani Smiraglia ha detto...

è troppo poco dire che una rappresentazione è una rappresentazione.Ciò che conta è notare che una rappresentazione è "la realtà come ce la comunichiamo reciprocamente".
Le rappresentazioni sociali sono, dunque, l’elaborazione di un oggetto sociale da parte di una comunità, che permette ai suoi membri di comportarsi e di comunicare in modo comprensibile (ovviamente per comunicarci qusto "oggetto" ricorriamo a schemi, categorie, stereotipi, ecc.).
a titolo di esempio analizzate il contenuto di questo libro (è un esempio):
http://www.ipsser.it/libri_10/rappresentazionidellassistentesociale.htm

Con percezione non intendiamo lo "steriotipo" (!) ma piuttosto il processo per cui creiamo impressioni e formuliamo giudizi riguardo gli altri facendo anche delle inferenze (attribuzioni).

esempio: la bellezza.
attraverso un'opera d'arte il pittore RAPPRESENTA la bellezza;
lo stesso pittore sceglie per modella una ragazza (prototipo della bellezza) che tuttavia non si PERCEPISCE bella.
Ma è possibile entrare in crisi per così poco... quante volte vi ho detto di usare il web per chiarirvi il significato di un termine!

studentesse in crisi ha detto...

grazie prof il web è utile ma le sue spiegazioni sono più esaustive!!!

Stani Smiraglia ha detto...

"esaustivo" nel senso che le mie spiegazioni esauriscono me e fanno risparmiare fatica ed impegno a voi? ;-)

Airin ha detto...

In pratica la rappresentazione è l'espressione concreta di come la percezione sia un processo che implica necessariamente la categorizzazione proprio perchè la conoscenza della realtà è costruzione e molti mattoncini sono proprio gli schemi gli stereotipi pregiudizi che abbiamo assimilato dalla cultura della nostra società quindi sono proprio questi ultimi a qualificare in un certo modo la categorizzazione e spesso a portarci fuori strada con una distorsione della realtà..rifacendomi all'esempio del prof: quell'opera d'arte rappresenta un concetto di bellezza che non sarà universale per cui la medesima opera possiamo considerarla una categoria quindi rappresentazione include per forza categorizzazione.spero di non avervi confuso ulteriormente e di non aver inconsapevolmente sparato cavolate..

Libert� ha detto...

prof. volevo farle i miei complimenti per come ha svolto il corso..mi dispiace che sia gi� finito..far� tesoro dei suoi insegnamenti di vita e del suo metodo..spero che anche i miei colleghi impareranno ad apprezzarla..

Airin ha detto...

Non mi è chiara bene la differenza tra rappresentazione e categorizzazione prof mi aiuti!!!ci riprovo: la rappresentazione "rappresenta"il prototipo e il concetto pure che però non sono la stessa cosa giusto? La categoria è l'insieme di persone che presenta le caratteristiche del prototipo e quando non si riconoscono più le differenze tra i membri della categoria si arriva allo stereotipo il quale a sua volta può essere associato ad un sentimento d'odio o d'amore trasformandosi in pregiudizio(d'odio o d'amore).non so perchè mi sembrano chiare le cose ma continuo a cercare conferme! Forse perchè non avendo fatto la prima prova non so cosa mi aspetta ma devo ammettere che non vedo l'ora di confrontarmi con la sua prova prof..ciao!

anomico ha detto...

Condivido il tuo stato d'animo airin, infatti anche a me delle cose sembrano chiare pur sentendo un pizzico di insicurezza. Cmq se hai studiato con continuità le conferme ti arriveranno sicuramente dal buon esito della prova (non lo dico per portar male...).
Se può servirti, a me pare che le rappresentazioni siano delle costruzioni della realtà che condividiamo attraverso il linguaggio.
Il linguaggio consente,inoltre, di collocare l'etichetta su ogni categoria, rendendo utilizzabile il "materiale" che abbiamo condiviso.
A partire dalle categorie che abbiamo formato possiamo compiere nuove interazioni con il mondo esterno, condividendo nuovamente il nostro materiale con quello altrui.
Ciao

ely ha detto...

qualcuno per favore potrebbe dirmi se bisogna fare la comunicazione verbale e non verbale? GRAZIE

elisabeth ha detto...

Ciao ARIN, spero di esserti d'aiuto:

La RAPPRESENTAZIONE è un'idea, un'elaborazione, una convinzione che viene scambiata e condivisa con gli altri attraverso la comunicazione. Ad es. la rappresentazione dell'infanzia che abbiamo in Italia è sicuramente diversa dalla rappresentazione dell'infanza che c'è in India o in Africa. La rappresentazione dell'infanzia dipende quindi dall'appartenenza culturale e dalla mediazione comunicativa e relazionale degli individui che fanno parte di una società. Gli individui condividono e mediano delle idee riguardo all'infanzia, si rappresentano idealmente il concetto di infanzia.

La CATEGORIZZAZIONE è il processo mediante il quale tentiamo di "mettere" ordine nella realtà. Abbiamo la necessità di sistemare in categorie le informazioni che provengono dalla realtà. Le categorie funzionano, di solito, per coppie oppositive (bello-brutto, buono-cattivo, nero-bianco).
Questo processo risponde a due esigenze fondamentali: il risparmio cognitivo e l'intolleranza all'ambiguità. La mente umana ha necessariamente bisogno di classificare in categorie gli eventi, i fatti, le persone. Ad es. se incontriamo un prete la nostra categorizzazione sarà laico\non-laico. Una volta "sistemato" il prete nella categoria non-laico, metteremo in atto gli schemi "adatti" per interagire con quella persona.
Le categorie, quindi, sono molto importanti per la creazione degli schemi, senza di esse non potrebbero esserci nè schemi, nè stereotipi.

Spero di essere stata chiara ma soprattutto di aver capito bene, in questo chiedo conferma al Prof.
Grazie

dunque83 ha detto...

io ho ricercato i vari concetti con google...e volevo porre una domanda al prof o rivolta a tutti:qual'è la differenza tra percezione e rappresentazione?Io risponderei innanzitutto che la percezione è quel processo attivo a differenza della sensazione che codifica gli stimoli, le informazioni in eccesso che ci arrivano dall'esterno attribuendo loro un significato, e quindi è il processo precedente la rappresentazione perchè i dati sensoriali vengono riconosciuti, registrati in memoria e si formano poi le rappresentazioni che sono soggettive e che vengono comunicate agli altri, tramite le rappresentazioni noi categorizziamo la realtà si originano dalle categorie prototipi, generalizzati dagli stereotipi e infine i pregiudizi, quindi come diceva il prof gli atteggiamenti(perchè i pregiudizi sono atteggiamenti)che sono il risultato finale di tutti i processi cognitivi finora detti.....giusto???

bice83 ha detto...

raga nel primo test il prof mise una domanda inerente alla suggestione, ora non la ricordo interamente, di suggestione ha parlato Le Bon nella "Psicologia delle folle" giusto?

Stani Smiraglia ha detto...

è con piacere che dò conferma ad elisabeth del suo elaborato intorno a rappresentazione e categorizzazione.
posso solo augurarle di trovare conferma nel test. mi piacerebbe che tu fossi uno dei miei 30 e lode.

LUCE ha detto...

io vorrei rispondere a molti commenti che ci sono stati a proposito delle modalità di valutazione dei test. Ho una proposta da farvi prima dello svolgimento della seconda prova. Come tutti ben sapete la parte del programma già svolto sarà oggetto anche della seconda prova e pertanto è un punto a nostro vantaggio qualora avessimo chiarito i nostri dubbi.Ora se la preoccupazione è legata alla media che scaturisce dai due test, io ho pensato che per andare incontro a tutti, oltre a salvare le persone che non hanno superato il primo test, magari si potrebbe applicare questo criterio anche per coloro che lo hanno superato con un voto basso..vogliamo decidere insieme quale potrebbe essere questa soglia che separa un voto basso da uno decente? A mio parere salvare tutti coloro che hanno preso al di sotto del 24.Se la maggioranza condivide questa soluzione magari il prof. può prenderla in considerazione. cmq in bocca al lupo a tutti!

Stani Smiraglia ha detto...

a dunque83, dico che mi fa piacere che abbia usato la rete per chiarirsi alcuni termini...
voglio tuttavia far notare che ho già risposto alla questione della distinzione tra percezione e rappresentazione.
dunque....Dunque63 avrebbe fatto meglio a leggerselo e a chiedere a me a agli altri ciò che rimane ancora dubitabile.
per altro, a suo merito, dico che dunque ha fornito buone spiegazioni tranne quando afferma testualmente: "perchè i dati sensoriali vengono riconosciuti, registrati in memoria e si formano poi le rappresentazioni che sono soggettive".
qui sbaglia perchè soggettive sono le percezioni... le rappresentazioni sono intersoggettive!

Stani Smiraglia ha detto...

a Luce suggerisco di non disperdere energie nel ricercare un "illuminato vantaggio" da queste improbabili consultazioni politiche (sarebbe allora opportuno attivare dei banchetti per un regerendum popolare).
per mia esperienza riuscite ad essere più severi nei confronti di voi stessi di quanto non possa esserlo io!
per altro, con grande franchezza, penso proprio di dover essere io a decidere "quale potrebbe essere questa soglia che separa un voto basso da uno decente".

OXIDIANA ha detto...

volevo chiedere al prof perche' Bandura con la sua teoria dell'apprendimento in alcuni manuali viene riconosciuto come comportamentista ed in alcuni altri, nonche' in articoli sul web viene definito cognitivista. la ringrazio anticipatamente per la delucidazione!

Stani Smiraglia ha detto...

bella domanda Oxidiana e complimenti per il nick (meglio che anonima, no?)
la risposta è semplice: Bandura è un vecchio signore canadese, nato nel 1925 e dunque ha attraversato il secolo passato. Non ti pare logico che dagli anni '50-'60 (l'apprendimento sociale per Bandura si determina per imitazione = comportamentismo) egli abbia "allargato" la sua analisi ai processi mentali che sorreggono questa radice evoluzionistica, e la sua risposta è: l'autoefficacia (anni '80), ovvero la percezione che ognuno ha della sua propria capacità di ricavare gratificazione dall'agire quotidiano e dalle reti di relazioni, e questo è un concetto che implica una mente che elabora i vantaggi che conseguono al proprio comportamento (cognitivismo). Ma, cara Oxidiana, sono passati 30 anni. La psicologia sociale tutta ha attraversato questa transizione. Molta parte del cognitivismo ha una madre riconosciuta comportamentista, non ti meravigliare; potrebbe non essere così?

amilcare ha detto...

scusate,all'ultima lezione non c'ero...potete dirmi se domani si terrà la lezione di psicologia sociale?Grazie mille

danielina ha detto...

X amilcare. le lezioni sono terminate martedì scorso

negramaro ha detto...

Prof alcune domande sulla modalità della prova:
che senso ha riproporre la prima parte anche a coloro che l'hanno già superata?anche perchè lei ha detto che,in ogni caso,se non si supera la seconda parte si deve comunque recuperare all'orale...quindi ripresentare le domande della prima verifica è funzionale solo a chi è insufficiente.naturalmente piena possibilità di recuperare a chi deve farlo,non intendo applicare lo sfavoritismo sistematico nei confronti dell'altro gruppo e non appoggiare il recupero!

dunque83 ha detto...

prof allora lei concorda sul fatto che dopo il processo percettivo scaturiscono le rappresentazioni?

jenny ha detto...

prof vorrei ringraziarla molto per il suo corso che mi ha fatto capire qual' è un buon metodo di studio: quello di capire xe ragionare sulle cose anche se io ho sempre studiato così. Mi sto trovando bene anche con gli altri esami...ma vorrei rivolgerle una domanda che è un pò rivolta a tutti:quand'è che noi siamo veramente liberi se ragioniamo per schemi e stereotipi e condividiamo in questo modo i pregiudizi?se la cultura si basa su questo dov'è la libertà di cui abbiamo parlato?è ancora qualcosa che vorrei chiarire

jenny ha detto...

inoltre mi sembra di capire che noi non ragioniamo bene...il fatto di categorizzare le persone , di usare stereotipi e poi pregiudizi, non ci rende superficiali oltre a risparmiare energia?non si sfocia nel razzismo se io categorizzo l'albanese, faccio un esempio, come delinquente e generalizzo dicendo:"tutti gli albanesi sono delinquenti"?non vado oltre con il principio del risparmio energetico...era una mia curiosità prof vorrei sapere come la pensa lei che è anche uno psicologo sociale...?

ancora un aiutino ha detto...

Prof, nell'euristica si parla di agenda setting...essa riguarda l'influenza che i mass media hanno sul pubblico, nel senso che i mass media danno più importanza a determinati argomenti suggerendo al pubblico gli argomenti da trattare o no...giusto?

OXIDIANA ha detto...

grazie prof per la spiegazione, ed anche x il complimento sul nick....in realta' nn l'ho scelto a caso; l'ossidiana e' come un riassunto di psicologia sociale fatta pietra. Mi spiego: l'ossidiana e' un minerale di origine vulcanica che alla sua nascita nn si preoccupa dei processi che la porteranno ad essere pietra ma pensa al proprio comportamento di adattamento in relazione all'ambiente, cioe' all'eruzione vulcanica (e qui e' di stampo costruttivista), poi alla sua formazione cominciano ad aggiungersi strati e strati di materia sempre piu' importanti per la sua "presa di coscienza" di essere quasi diventata un minerale completo, (quindi si passa dal comportamentismo al cognitivismo) e poi per raggiungere finalmente il suo status di minerale deve subire innumerevoli cambiamenti ed accomodamenti. (ma ci pensate, anche i minerali usano le euristiche!!). Finito il suo processo di formazione diventa un elemento della "categoria "delle ossidiane e si chiamera' ossidiana bianca,nera o viola a seconda degli attributi massimi che avra' in comune con una delle tre categorie ed in base agli attributi minimi che la distingueranno da uno di essi. questo e' quanto,spero di nn essere sembrata esaltata e confusionaria!

Stani Smiraglia ha detto...

per aiutino: giusto

Airin ha detto...

Volevo ringraziare Elisabeth per avermi aiutato a diminuire la confusione che ho in testa..la tua spiegazione sulla rappresentazione mi è stata davvero utile..

disperata ha detto...

prof volevo farle una domanda importantissima... domani non so se riuscirò a essere presente xkè ho avuto un incidente con l' auto e anke se fortunatamente non mi sono fatta niente la macchina è distrutta e non ho altri mezzi x muovermi... sto cercando un passaggio dai miei amici ma non mi hanno assicurato nulla mi hanno solo detto ke mi fanno sapere domani mattina. volevo perciò chiederle che visto ho superato la prima vada bene o verrò all'orale... spero di poter venire e questo commento non serva a nulla......

urgente ha detto...

la prova si terrà in via bellini aula 2 come la scorsa volta???? gradirei una risposta al piu presto per esserne piu' sicura

palloncino ha detto...

ragaaaaaaaaaa a voi cm è andatoi l compito a me spero bene ma sono andata nel pallone mannacia a me e alla mia ansia uffaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

ilaryfr ha detto...

che dire io credo sia andato bene...speriamo e speriamo che il prof. sia veloce nel correggerli...

alessia ha detto...

io pensavo di trovare più cose "vecchie" visto che la maggior parte degli argomenti da studiare per la prova erano gli stessi del primo esonero...ma comunque spero di averla superata! :o)